13 settembre in Sardegna

stop esercitazioni israeliane in sardegnaAppello per la manifestazione del 13 settembre a Capo Frasca in Sardegna contro l’occupazione militare.

Di fronte al genocidio in atto contro il popolo palestinese non possiamo rimanere indifferenti, abbiamo il dovere di non restare in silenzio di fronte alla complicità e al sostegno che danno al sionismo media e istituzioni occidentali.

Giornali, radio e televisione manipolano vergognosamente la realtà: quello che è un vero e proprio genocidio viene presentato come una  guerra di difesa.

Quella israeliana è un’occupazione feroce che dura da 67 anni, rendendo la vita dei palestinesi impossibile.  Il totale disprezzo dei diritti fondamentali dell’uomo che Israele pratica indisturbato, bombardando scuole e ospedali, facendo strage di donne e bambini, depredando e razziando territori palestinesi, ci obbliga a prendere con forza una posizione e agire.

L’appoggio incondizionato che i governi occidentali accordano ad Israele richiede a tutti noi uno sforzo continuo di sostegno alla resistenza palestinese.

Boicottare i prodotti israeliani e le grandi marche internazionali che sostengono la politica terrorista di Israele è un’azione che ha dato  grandi risultati in queste settimane, è un esempio di come dal basso tutti possiamo agire e fare qualcosa. Quindi il primo passo è continuare a non comprare prodotti israeliani vedere elenco su www.bdsitalia.org.

L’Italia è tra i principali fornitori di armi all’esercito israeliano, offre collaborazioni e compie addestramenti congiunti che porteranno aerei israeliani in Sardegna per esercitazioni militari con simulazione di bombardamenti.

Non possiamo permettere tutto questo, e abbiamo il dovere di intervenire.

Per questi motivi   Invictapalestina – da oggi con sede a Lamezia c/o il Collettivo Autogestito Casarossa40 – lancia un appello a tutte le realtà che in Italia lottano contro la presenza delle basi di guerra e lo sfruttamento del territorio affinché sia data visibilità e risonanza alla  manifestazione del 13 settembre a Capo Frasca in Sardegna contro l’occupazione militare:

  • in opposizione a tutte le armi e tutte le guerre,  ed a tutti gli abusi del territorio per  le servitù militari, le  basi  e le aziende belliche;
  • in opposizione alla disinformazione;
  • contro le consegne dei 30 caccia M346 Alenia-Aermacchi ad Israele;
  • contro le esercitazioni militari di Israele in Sardegna previste in questo mese;
  • contro ogni accordo di cooperazione italo-israeliano, specie in ambito militare;
  • per un embargo generale delle forniture di armi ad Israele;
  • per il boicottaggio dell’economia israeliana, sulla base delle indicazioni BDS (bdsitalia.org).

Inoltre i militanti del  Centro di Documentazione InvictaPalestina, in occasione del concerto dell’11 settembre dei 99Posse a Gasperina (CZ),  srotoleranno una bandiera della Palestina di circa 50 metri quadrati per sostenere la manifestazione sarda e solidarizzare con la resistenza del popolo palestinese.

Centro di Documentazione InvictaPalestina

Pubblicato il 10 settembre 2014, in eventi, territorio con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: