PAROLE INARRESTABILI

parole inarrestabili_banner

Da Genova alla Val di Susa, lettere dal carcere dei militanti italiani.

2° Appuntamento della rassegna “Scarpe rotte eppur bisogna andar...

Assemblea/dibattito con:
Matthias MORETTI
[Coordinamento romano lotta per la casa]

Repressione e carcere sono da sempre elementi intrinseci a ogni percorso di lotta che si schiera nel campo avverso a quello del potere costituito. Se i codici di legge sono uno strumento di ratifica e rafforzamento dei rapporti di forza presenti nella società, è naturale che non vi sia processo di cambiamento radicale, o addirittura rivoluzionario, senza che coloro che vi partecipano infrangano quei codici e finiscano privati della propria libertà proprio in base alle leggi che regolano il mondo che si vuole cambiare.

E così il carcere stesso è da sempre un terreno di lotta, sia sul piano della vita interna che su quello della dialettica con chi continua a lottare «fuori».

parole-inarrestabiliL’importanza e il valore delle lettere dal carcere affondano perciò le proprie radici nell’eterna vicenda della lotta per la liberazione, individuale e collettiva. Negli ultimi anni sono tornati a crescere i numeri di chi ha conosciuto il carcere a causa della propria militanza politica o per un semplice moto di ribellione: dal G8 di Genova, passando per la Val di Susa, le occupazioni delle case o le «adunate» del 15 ottobre 2011 e del 14 novembre 2012, questo libro raccoglie le testimonianze più significative nate nel corso di quelle lotte e scritte da compagne e compagni che hanno pagato con la privazione della libertà il prezzo delle proprie idee.


MATTHIAS MORETTI – Nato a Pisa nel 1986, si laurea in Scienze Politiche nel 2012 e, da allora, oscilla tra precarietà e disoccupazione. Conosce il carcere per pochi giorni nel 2013, quando viene arrestato nel corso di una mobilitazione contro la Tav in Val di Susa. Vive a Roma, dove milita nei movimenti di lotta per la casa.

Pubblicato il 20 gennaio 2016, in comunicati, eventi, territorio con tag , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: