SGUARDI RESISTENTI

BANNER

Domani il primo appuntamento della rassegna sociale “Sguardi Resistenti” programmata dal Centro di Documentazione InvictaPalestina e dal Collettivo Autogestito Casarossa40.

Uno sguardo internazionale sui popoli che resistono per superare l’indifferenza, la cattiva informazione ed il razzismo che oggi aleggia come uno spettro sull’Europa ed il mondo occidentale.

La rassegna vuole proporre un altro punto di vista, quello di chi prova a superare le insidie del mare su un barcone nel Mediterraneo per sfuggire a guerre e persecuzioni politiche e sociali, oppure quello di chi resiste e lotta contro un’occupazione ingiusta – quella Israeliana sui Palestinesi – che dura oramai da circa 70 anni.

Sguardi Resistenti vuole essere un momento di approfondimento e discussione cittadina in una fase sociale particolarmente delicata dove l’ondata di odio razzista sembra prevalere sulle ragioni della giustizia sociale.

La rassegna prevede quattro appuntamenti con cadenza settimanale che si terranno all’aperto, al Parco 25 Aprile alle ore 21:00. Questo è il calendario delle iniziative:

[sab. 25 giugno] @ NESSUNO – UN’ALTRA ODISSEA

nessunoTeatro Sociale – In un’isola del Sud, un pescatore di nome Ciccio Bozzo, ha invitato vicino alla sua barca, tutti gli abitanti dell’isola in cui vive, a far sì che possano finalmente conoscere il suo ospite, e che possa diventare l’ospite di tutti. L’ospite è nascosto in mezzo agli isolani, nessuno sa il suo nome, ma tutti sono curiosi di saperlo. Quell’ospite ha un nome e si chiama Ulisse, e attraverso la barca del pescatore, che ritorna a rivivere la sua esperienza in mare, ritorna a rivivere le immagini, fatte di tormenti e di incontri, di pericoli e di morti, di guerre e di incomprensioni. Il suo racconto, viene stroncato dalla stanchezza di quel viaggio e di quei suoi ricordi, ed è così che viene riportato nella sua terra, stanco e distrutto dalle forze del mare.

Tutte le vicende che Ulisse racconta le paragono alle vicende della nostra emigrazione, ai racconti che sentiamo da parte degli africani, degli arabi, degli asiatici, che raggiunta la nostra Isola vogliono proseguire per il Nord Europa. A quei morti del canale di Sicilia e del Mediterraneo.

[ven. 01 luglio] @ PRIVATE

Cinema – Mohamed è un padre di famiglia e vive in Palestina con la moglie e i tre figli. Improvvisamente la porta della sua casa si spalanca. È l’esercito israeliano. La casa è sequestrata grida un militare, ma Mohamed non vuole cedere, non vuole abbandonare l’abitazione. Perché subire tutto questo, penserà. E allora lui e la sua famiglia vengono relegati in alcune stanze. Divieto d’accesso assoluto al piano di sopra. È vita questa?

È dal titolo che si deve partire nell’analisi di questo film. Private è un titolo perfetto. Private è un microcosmo, la rappresentazione di un conflitto infinito nello spazio di un’abitazione. È un mondo privato in cui esiste una “politica privata”, la politica della sopravvivenza in un luogo dove tutti sono vittime.

Alla base di Private c’è una storia vera. Mentre ero in Palestina una giornalista mi ha parlato di un arabo, di cui non posso svelare l’identità, che vive ancora oggi coi soldati israeliani sul tetto. È il preside di una scuola, che ama Shakespeare, prega cinque volte al giorno e osserva il Ramadam. Vive a cinque metri dal muro della base militare israeliana: apre la porta della cucina e se la trova di fronte. Questa convivenza forzata dura dal 1992: nessuno lascia l’abitazione, intorno non c’è niente, perché di solito gli israeliani distruggono le case circostanti per avere la visuale sgombra da ostacoli. E non si tratta di un caso isolato: sono parecchi i soldati che, nei territori occupati, vivono in case di palestinesi.

Così Saverio Costanzo parlando del suo film prodotto nel 2004 e premiato col Pardo d’oro al festival di Locarno, spiega l’origine dell’ispirazione del suo capolavoro proiettato anche nelle sale di Tel Aviv.

Bene, questo film di denuncia senza compromessi dell’occupazione dei territori palestinesi da parte dell’esercito israeliano, è stato girato in Calabria in un casolare nei pressi di Riace. Il territorio calabrese è simile ad alcune zone del Libano, della Siria, della Palestina, simile per il clima, l’arsura, la scarsità di acqua. È simile anche per le tradizioni, l’ospitalità, la cultura.

LOCANDINA[ven. 08 luglio] @ INCH’ALLAH

Cinema – In Cisgiordania, in una clinica improvvisata all’interno di un campo profughi palestinese, lavora Chloe, una giovane ostetrica del Quebec che, sotto la supervisione del medico di origine francese Michael, si occupa delle donne in gravidanza. Tra i posti di blocco e il muro che delimita i confini tra israeliani e palestinesi, il percorso di Chloe si incontra con quello della guerra e di coloro che la portano o ne portano i segni, come Rand – una giovane paziente con cui stringe amicizia -, i suoi fratelli Faisal – il maggiore della famiglia, un resistente che si innamora di lei – e Safi – il più piccolo dei tre che sogna di oltrepassare i confini e lasciarsi il conflitto alle spalle – e il giovane soldato Ava, suo vicino di casa. Questi incontri la porteranno a far cadere ogni sua certezza e avventurarsi in un territorio molto più grande di lei.

[sab. 16 luglio] @ LA SPOSA SIRIANA

Cinema – Mona, giovane donna originaria del Golan, sta per convolare a nozze combinate con un cugino siriano conosciuto solo per via epistolare. La felicità per l’evento, già di per sé relativa, è soffocata dal fatto che una volta lasciato il Golan, occupato da Israele, non potrà più tornarvi né di conseguenza rivedere la propria famiglia. La ragazza verrà accompagnata al confine, per l’ultimo sofferto saluto, dal padre, attivista filo-siriano diffidato dalle forze di polizia locali, e dai fratelli, in fuga dalla cultura oppressiva e totalizzante dei propri luoghi natali. Il confine tra Siria e Israele è terra bruciata tra etnie, gap neutrale dove ha voce solo la burocrazia militare: una girandola di umori e temi, infiammata dal contrasto tra i tempi che corrono e un ambiente conservatore, evidenzia scontri e contraddizioni da sempre presenti in corrispondenza di simili conflitti territoriali e ideologici.

Pubblicato il 24 giugno 2016, in comunicati, eventi, territorio con tag , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: