DAL MAROCCO, MOBILITAZIONE CONTRO LE ECOBALLE

a82be30e-e724-40da-8125-753dba00e453Polemiche e mobilitazioni in Marocco contro l’arrivo dalla Campania di duermilacinquecento tonnellate di rifiuti. Un’operazione frutto dell’amministrazione regionale campana guidata dal PD De Luca in collaborazione con il governo nazionale.

Una petizione on line sul sito Change.org chiede al ministero dell’ambiente di Rabat di annullare l’autorizzazione a incenerire rifiuti industriali provenienti dall’Italia nei centri di smaltimento del Marocco; i numerosi firmatari chiedono anche l’intervento diretto del governo marocchino perché il paese “non diventi il centro di raccolta della spazzatura internazionale”. La Coalition marocaine pour la justice climatique (CMJC), che raccoglie circa 150 associazioni in difesa dell’ambiente, a sua volta ha diramato sabato 2 luglio un comunicato che chiede al ministero di fornire spiegazioni trasparenti sull’operazione.
La Coalizione inoltre pretende che il governo marocchino renda pubblica la convenzione firmata tra il dipartimento all’Ambiente e l’associazione dei produttori di cemento per comprendere a fondo “il campo di applicazione e la sua conformità” alla legge che regola lo smaltimento dei rifiuti.

A preoccupare i cittadini e soprattutto le organizzazioni ambientaliste marocchine è il progetto di ottenere combustibile dai rifiuti, processo denominato in inglese refuse derived fuel, o RDF. I rifiuti in questione arriverebbero dal sito di smaltimento di Taverna del Re, tra la provincia di Caserta e quella di Napoli. Nei primi giorni di giugno il premier italiano Matteo Renzi aveva fatto visita alla discarica campana ed aveva promesso che in poco tempo le ecoballe sarebbero state smaltite, ma non aveva detto come.
Un accordo di tre anni farebbe alzare il carico di rifiuti a 5 milioni di tonnellate in totale, che finirebbero tutti nella zona agricola di El Jadida, nel nord del Marocco, dove i danni ambientali sarebbero devastanti.

Per il ministero dell’Ambiente marocchino invece è tutto regolare e non ci sarebbe da preoccuparsi. Si tratta, dicono, di “rifiuti non pericolosi, utilizzati come combustibile alternativo all’energia fossile, provenienti dai centri di smaltimento internazionali”. Sono scarti che, assicurano a Rabat, “non contaminano l’ambiente” e rappresentano anzi “un primo passo verso la collaborazione con gli altri centri di smaltimento europei, una sorta di test preliminare per sviluppare una filiera di produzione di RDF locali”.

Ma molti cittadini marocchini sono preoccupati e la tensione potrebbe salire. In poche ore la petizione è stata firmata da 12 mila persone.

Luca Fiore

[fonte: contropiano.org]

Pubblicato il 11 luglio 2016, in eventi, territorio con tag , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: