MAROCCO: UNA PETIZIONE CONTRO LE ECOBALLE

sdHjGwBMyamgLnp-800x450-noPad

UNA PETIZIONE PER DENUNCIARE L’IMPORTAZIONE DI RIFIUTI
di Ines DjouhriCoalition Marocaine pour la Justice Climatique (CMJC)

No, il Marocco non diventerà la pattumiera dell’Europa!

Lo scorso 28 giugno, una nave proveniente dall’Italia si dirigeva verso il porto di Jorf Lasfar. A bordo circa 2500 tonnellate di rifiuti destinati all’incenerimento presso un cementificio di Casablanca. Nel pieno del dibattito pubblico sui rifiuti plastici, a qualche mese dalla COP22, perché lasciar passare come se niente fosse l’importazione dall’Europa di rifiuti che nocciono all’ambiente e alla salute del Marocco?

Secondo la dichiarazione della ministra, il processo è legale, esso rispetta la Convenzione di Basilea, normativa internazionale in cui è inserito il trattamento dei rifiuti. Tuttavia, sapendo che almeno il 20% del commercio mondiale dei rifiuti risulta illegale, è lecito porsi delle domande circa l’affidabilità dei controlli sulla natura dei rifiuti arrivati a Jorf Lasfar. Con la scusa di importare rifiuti non tossici, o prodotti usati ma ancora funzionanti, arrivano tonnellate di scarti che si trovano nelle discariche del Sud. La presenza in Marocco di 48 discariche a norma a fronte di 300 discariche selvagge richiede tutta la nostra attenzione. Ora più che mai, abbiamo dunque bisogno di far luce sulla natura dei rifiuti trasportati.

Per vietare l’importazione di tali rifiuti è già online la petizione indirizzata al Primo Ministro e al Ministero degli Esteri. In quattro giorni la petizione ha già raccolto più di 15000 firme.

No all’importazione dall’Europa di rifiuti tossici e nocivi per l’ambiente e la salute del Marocco con la scusa di utilizzarli per sopperire ai bisogni energetici.

SEGUI LA TRADUZIONE IN ITALIANO DELLA PETIZIONE:

Al Ministro degli Esteri Salaheddine Mezouar

FMDH (Forum Marocchino dei Diritti dell’Uomo): Contro la gestione dei rifiuti italiani sul territorio marocchino

Forum Marocchino dei Diritti dell’Uomo – Rabat (Marocco)

Forum Marocchino dei Diritti dell’Uomo: I rifiuti italiani spediti sul suolo marocchino rappresentano un pericolo per la salute dei cittadini; il Ministero dell’Ambiente ha firmato un contratto per l’importazione dei rifiuti italiani provenienti in gran parte dalla Regione Campania –  da una discarica di Napoli denominata Taverna del Re – per un periodo di tre anni e un ammontare totale di rifiuti pari a 5 milioni di tonnellate. Sono diversi i motivi per cui tali rifiuti risultano nocivi per la salute dei cittadini: innanzitutto a causa del loro accatastamento cominciato nel 2007, e poi per la loro composizione tossica in cui si rileva la presenza di metalli e altro.

Mobilitiamoci per evitare la combustione di tali rifiuti e prevenire così nefaste conseguenze quali il deterioramento dei terreni agricoli e l’insorgere di malattie croniche o anomalie congenite permanenti tra i cittadini, in particolare tra i residenti di El Jadida.

http://www.hespress.com/sciences-nature/312327.html

https://www.youtube.com/watch?v=me1Rid-QjOg

Firma la petizione: qui


05/07/2016

traduzione: Danilo De Salazar

Pubblicato il 12 luglio 2016, in territorio con tag , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: