TRATTATI INTERNAZIONALI, SALUTE, LAVORO E AMBIENTE

banner_web

TTIP, CETA, TISA – Gli effetti dei trattati internazionali quali strumenti ideologici utilizzati dalle élites politiche, economiche e finanziarie come leva di classe per consolidare il primato dei profitti sulla salute e i diritti.

Continuano gli appuntamenti della RASSEGNA RESISTENTE di Casarossa40 con l’assemblea di questa sera (ore 18:00 – Palazzo Panariti) che vedrà ospite Marco SCHIAFFINO di Attac Italia e la collaborazione del Coordinamento Regionale Stop TTIP

L’assemblea affronterà l’attuale e delicata questione dei Trattati Internazionali (TTIP, TISA, CETA, ma anche del NAFTA, ALCA, TPP sul versante Pacifico) e le pesanti ricadute di questi in termini di salute e compressione dei diritti di milioni di lavoratori e cittadini. I trattati internazionali, quindi, come strumenti ideologici e di classe per consolidare il primato del mercato e del profitto su salute e diritti.

Un’assemblea importante, quindi, perché a valle del recentissimo e pesante voto europeo di ratifica del CETA avvenuto proprio lo scorso mercoledì dove, appunto, il Parlamento Europeo ha deciso di adottare il CETA con 408 voti a favore e 254 contrari. Nonostante una spaccatura profonda nel partito socialdemocratico, l’accordo con il Canada è stato approvato. Per la parte di competenza europea, entrerà provvisoriamente in vigore senza attendere il vaglio di 38 Parlamenti nazionali in 28 Stati membri. Il loro pronunciamento è comunque una vittoria dei movimenti, che ha impedito a Bruxelles di mantenere il CETA un affare soltanto europeo.

La mobilitazione ora si sposta a livello nazionale e territoriale per impedire che il Parlamento italiano ratifichi questo trattato dannoso per i nostri cittadini e lavoratori.

Con l’applicazione provvisoria del CETA infatti, cadranno tariffe e quote su una vasta linea di beni e servizi commerciali tra i due blocchi, con prospettive negative per i diritti del lavoro, la sicurezza alimentare, la salute, l’ambiente e i servizi pubblici.

Stasera l’assemblea cittadina proverà a determinarsi anche sulle successive mobilitazioni da mettere in piedi nei prossimi giorni.

#RIPRENDIAMOCI IL COMUNE!

#RIAPPROPRIAMOCI DELLA CITTÀ!

Pubblicato il 17 febbraio 2017, in territorio con tag , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: