CHI ERA ARGADA

Adelchi

Adelchi Argada

Sergio Adelchi Argada, giovane operaio militante del ”Fronte Popolare Comunista Rivoluzionario” (FPCR) viene barbaramente ucciso, il 20 ottobre 1974, a colpi di pistola dai fascisti Michelangelo De Fazio e Oscar Porchia.

Il primo studia Legge a Firenze, ragazzo di buona famiglia conosciuto sia dai fascisti del posto che da quelli dell’università toscana. Il secondo, anche lui studente, è un militante del Movimento Sociale e per un paio d’anni è stato anche il segretario del Fronte della gioventù di Lamezia.

Oltre a Sergio, nell’agguato squadrista rimangono feriti altri quattro giovani operai che sono con lui (fra cui il fratello Otello).

«Era un ragazzo di una bontà unica e di un altruismo ineguagliabile… era un buon figliolo che badava agli interessi dei lavoratori cui conosceva sacrifici e tormenti». Così ricordano a Lamezia, in tutti gli ambienti, lo studente-operaio Sergio Adelchi Argada.

Aveva superato brillantemente lo scoglio della terza media, quando per la morte del padre dovette abbandonare gli studi. Era il più piccoli di casa Argada, essendo nato dopo Otello, Ferdinando e la sorella e lavorava per consentir loro di studiare. Rosina Curcio, la madre, non ce la poteva fare a mandare avanti la famiglia; da vedova, senza alcun lascito del marito, vivevano con i modesti proventi della sua attività giornaliera.

Era uno generoso. La generosità e la solidarietà verso i compagni ha contribuito a stroncare la sua esistenza. E’ infatti morto sotto i colpi del feroce assassino, che l’ha voluto finire quand’era oramai a terra colpito all’addome, già da tre proiettili, nell’atto di bloccare la mano omicida che seguitava a sparare su Giovanni Morello, colpito per primo.

Nelle zone dell’Emilia, vicino Modena, dove appena quindicenne aveva affrontato il duro lavoro di una fonderia, s’erano registrati altri episodi che lo avevano fatto apprezzare per la sua umanità.

A Milano aveva prestato la sua attività nei cantieri edili come manovale.

Sergio faceva parte di una commissione per lo studio delle esigenze degli operai e, i alcuni congressi nazionali, come sul giornale del FPCR, cui dedicava il suo tempo libero, aveva dimostrato chiaramente, quali interventi avessero bisogno quanti contribuiscono quotidianamente allo sviluppo del Paese.

La mattina del 20 ottobre, di fronte al Comune di Lamezia, ci fu una manifestazione nell’ambito del Festival Provinciale dell’Avanti. Nella notte, scritte fasciste comparse sui muri avevano provocato forti tensioni, fino ad arrivare alle minacce ed alle mani e la questione, evidentemente, non poteva finire lì.

Alle 15.30 di quella domenica di ottobre i fratelli Argada, accompagnati dai fratelli Morello, incontrarono sulla strada di ritorno dallo stadio cinque camerati. A rivolgersi ai fascisti ci pensò Giovanni Morello, disgustato dalla vigliaccheria dimostrata da questi personaggi solo ventiquattro ore prima, quando avevano picchiato il fratello più piccolo, quattordici anni appena. E quattordici furono anche i colpi che riecheggiarono per le strade di Lamezia; quattro mortali indirizzati al giovane Adelchi, intervenuto per proteggere e aiutare l’amico ferito da un colpo alla gamba.

Il giorno dei funerali, trentamila furono le persone che scesero in piazza per salutare Sergio Adelchi

Argada. La cattedrale non bastò a contenerli tutti e, per le orazioni, venne utilizzato il palco della festa de ”L’Avanti”, ancora montato nella piazza del Municipio per il concerto della sera precedente.

1977 - SCUOLA DI MILANO

1977 – SCUOLA DI MILANO

Uno studente, parlò a nome dei ragazzi di Lamezia: «Conoscevamo Adelchi Argada come uno dei nostri migliori militanti, sempre schierato dalla parte degli oppressi. Bisogna capire perché è morto; era un operaio, uno dei tanti giovani costretto a una certa età a lavorare perché per i proletari, per i figli dei lavoratori, non esistono privilegi che sono di altri. Argada ha fatto una scelta, si è messo dalla parte di chi vuole una società diversa non a parole, in cui lo sfruttamento sia abolito e il fascismo non possa trovare spazio».

Arrestati, gli assassini di Adelchi Argada ebbero dalla loro parte soltanto una pretestuosa tesi di legittima difesa. Una posizione che più di qualche giornale conservatore fece propria e diffuse con forza. Nel caso di Oscar Porchia e Michele De Fazio sostenere di avere sparato per difendersi non funzionò: imputati di omicidio, dopo aver ottenuto di spostare la tesi processuale a Napoli, nel 1977 furono condannati rispettivamente a quindici anni e quattro mesi e a otto anni e tre mesi di reclusione.

A Milano, nel 1978, dopo quattro anni di iniziative e lotte, gli dedicano una scuola: l’ Istituto Tecnico per Geometri “Adelchi Argada.”

Il 18 ottobre 1994, a Lamezia, nel corso delle celebrazioni del ventennale, con una lettera ex studenti ed ex professori comunicano che, nel frattempo, una nuova docenza aveva cambiato idea intitolando l’istituto ad un ex sindaco di Milano (che già dava il nome ad altre quattro scuole milanesi) ma testimoniano anche ai lametini che il ricordo di Adelchi era ancora vivo, non conosceva né distanze, né tempo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: