Archivi Blog

IN MARCIA PER PRESIDIARE IL TERRITORIO!

banner_FB

Dopo le assemblee dell’8 maggio e del 19 giugno, prosegue il lavoro dell’Osservatorio per la Tutela dei Boschi con la passeggiata “In Marcia per gli alberi” organizzata per venerdì 12 agosto tra i boschi di Feroleto Antico, Pianopoli e Serrastretta ed inserita nella tradizionale rassegna dell’Ecofaggeta Festival oramai giunta alla quarta edizione. Leggi il resto di questa voce

Annunci

CALABRIA TI ODIO

locandina

Attraverso 50 storie, Francesco Cirillo scandaglia tutta la regione e ne tira fuori storie maledette e storie belle e d’amore. La Calabria che tutti vorremmo amare e che invece odiamo per l’indole sottomessa del popolo calabrese, per i poteri forti che controllano tutto dalla massoneria, ai partiti politici , alle amministrazioni. E’ un affresco della Calabria come non è stato mai raccontato . 50 storie di persone che hanno scelto di vivere in Calabria, in luoghi bellissimi e distrutti, innamoramenti che al contrario spingono a restare in una terra difficile. Francesco Cirillo, con la sua scrittura diretta e forte come ci ha insegnato da diversi anni attraverso i suoi libri taglienti, ci racconta diverse storie contrastanti fra di loro e ci parla di inquinamenti, di speculazioni edilizie, di opere abbandonate, di traffici illeciti. Leggi il resto di questa voce

ASSEMBLEA NON BIOMASSE

foto assembleaAlcune centinaia di persone hanno partecipato, ieri sera, all’assemblea promossa dal Comitato Cittadino contro le costruende centrali a biomasse. Nel continuare a sostenerne la lotta pubblichiamo l’odierno comunicato stampa.

COMUNICATO STAMPA

Ieri sera alle 20 e 30 circa si è tenuto il convegno organizzato dal Comitato No centrali biomassa a Lamezia, al parco Peppino Impastato di Lamezia Terme, la verità sulle centrali biomassa con il dottor Ferdinando Laghi, vice presidente dell’Isde, noto ambientalista e direttore dell’Unità Operativa di Medicina Interna di Castrovillari.

L’incontro si è aperto con una presentazione del Comitato e un veloce riepilogo dei precedenti incontri, oltre che la spiegazione della locandina volutamente provocatoria. Il convegno è continuato con le delucidazioni del dottor laghi sull’argomento biomasse. Tramite delle slide molto interessanti il dottor Laghi ha mostrato, molto chiaramente, come particolati, risultanti dalla combustione di materiale, destinato alla produzione di energia biomasse, si disperdano nell’aria, diventando altamente tossiche per l’organismo. Leggi il resto di questa voce

LA VERITA’ SULLE BIOMASSE

convegnonobiomasseVenerdì 28 agosto il prof. Ferdinando Laghi – medico e vice presidente dell’ISDE, l’Associazione dei Medici per l’Ambiente – ci racconterà la verità sulle biomasse e sui danni che questi impianti provocano alla salute dei cittadini ed all’ambiente.

Nel sostenere e partecipare alla lotta del Comitato NO Biomasse Lamezia, riteniamo opportuno evidenziare oltre all’aspetto – importantissimo e centrale – della salute dei cittadini e della salvaguardia dell’ambiente, anche alcune osservazioni che riguardano il contesto nel quale si inseriranno queste nuove centrali a biomasse che, se pur “piccole” (come afferma il padronato locale) rispetto agli ecomostri per i quali abbiamo sempre alzato il nostro NO, restano fortemente dannosi perché si inseriscono in un tessuto già degradato dal punto di vista ambientale.

In un area di pochissimi km quadrati, infatti insistono due impianti già da tempo operativi e cioè la centrale a biomasse (sempre da 200kw) dell’azienda agricola Statti (quella dell’olio e del vino di qualità, sic!) ed il piccolo inceneritore di Ecologia Oggi che brucia un po’ di tutto.

In questa zona, dicevamo, dovranno nascere altre 6 nuove centrali da 200kw delle quale tre già accertate mentre per le altre non è ancora dato sapere chi sono i richiedenti.

Due di queste centrali sono di proprietà della Vitale Sud, un colosso nella fornitura di materiale elettrico, che a seguito della crisi del settore edile ha già licenziato molti suoi operai ed impiegati ed ora evidentemente proverà a riconvertire la propria mission economica lanciandosi sulla più redditizia green economy. Leggi il resto di questa voce

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: